TIM: Incontro sui PROGETTI

0

Il 30 giugno u.s. la RSU Sicilia congiuntamente alle segreterie ha incontrato l’azienda sulle tematiche riguardanti il settore della progettazione.

Come noto il settore è fortemente impattato dal piano industriale che, attraverso Fibercop, si pone degli obiettivi molto sfidanti non sono nel cablaggio in fibra del paese ma anche in tutte le piattaforme di rete fissa e mobile.
Il piano, già in piena corsa dalla fine dello scorso anno, contiene di per sé tutte quelle sfide che come sindacato abbiamo accettato di “accompagnare” e che si prefiggono di andare “oltre la connettività” restituendo la giusta collocazione all’azienda sia sul piano nazionale che internazionale.
Ma quando si avvia un processo di trasformazione così profondo e con poco tempo a disposizione occorre fare i conti con il recente passato dove vigeva la filosofia del “tirare a campare”.

Per questo nei mesi scorsi abbiamo lanciato degli allarmi sul corretto dimensionamento degli organici, sulla qualità della formazione erogata, sull’inquadramento professionale, sul corretto rapporto manodopera sociale/manodopera d’impresa e su un’organizzazione del lavoro non sempre coerente con gli obiettivi.
Tutti argomenti, giova ricordare, affrontabili grazie al Contratto di Espansione in essere. All’incontro l’azienda rappresentata non solo dalle relazioni industriali e dalla gestione HR ma anche dai massimi esponenti della linea Development di Area Sud ha risposto alle nostre osservazioni:
Sugli organici sappiamo già che nei mesi scorsi sono stati inseriti nuove risorse per la progettazione sia in ambito mobile che in ambito fisso provenienti dal settore tecnico e nei prossimi giorni saranno inseriti nuovi assunti.
Permangono criticità sull’organico di chi effettua i controlli sui cantieri e per stessa eufemistica ammissione aziendale “la situazione è migliorabile”.
Sono previsti interventi formativi per rendere omogenee queste figure in tutti gli ambiti di loro competenza ed in più è prevista una evoluzione della figura dei progettisti in una sorta di Project Manager che, attraverso l’utilizzo di procedure e dotazioni informatiche adeguate ai tempi, possa garantire un maggior presidio delle realizzazioni a garanzia della qualità.

La nostra delegazione ha rimarcato con forza che pur apprezzando gli sforzi fatti e pur avendo piena consapevolezza che un piano di questa portata da realizzare in così poco tempo ha fisiologico bisogno di un indotto anche se il rapporto di 1 a 4 fra MOS e MOI per i progetti FTTH appare eccessivo, dato questo, che l’azienda non ha confutato e che nei prossimi giorni ci spiegherà con più precisione.

Abbiamo altresì ribadito che in attesa che le suggestioni si trasformino in realtà se, come ha dichiarato l’azienda, “la vera sfida è controllare i lavori” occorre trovare subito delle sinergie all’interno della grande Area di Operation per sostenere quei settori maggiormente impattati dal piano con un meccanismo di “mutuo soccorso“ a garanzia della corretta esecuzione dei lavori che stanno pericolosamente scivolando nelle mani di un subappalto selvaggio e che se non ben monitorate rischiano di avere conseguenze anche sulla buona riuscita del progetto calcio DAZN.

D’altronde sei scegli di pagare a corpo i lavori anziché a capitolato devi controllare di più.

Abbiamo altresì appreso con favore lo sblocco della progettazione della rete 5G, anche se ancora con numeri molto bassi. Inoltre, abbiamo evidenziato l’atavico sottodimensionamento degli organici nel settore di progettazione trasmissivo, fortemente impattato dal nuovo piano industriale.

Questa organizzazione conferma la determinazione a proseguire il percorso relazionale in un clima collaborativo e di reciproco rispetto, ma la fiducia la si conquista con i fatti e le azioni che entrambe le parti riescono a determinare.

Noi continueremo a segnalare o denunciare filtrando da ogni preconcetto e da ogni strumentalizzazione tutte quelle situazioni figlie di un retaggio del passato da cancellare, perché siamo convinti che solo difendendo il LAVORO si difendono i LAVORATORI.

Palermo, 1 luglio 2021
Segreteria Provinciale – RSU- SLC CGIL Palermo

Condividi

Leave A Reply

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code