Sindacato Lavoratori Comunicazione Palermo

Ippodromo: la SLC CGIL scrive al Comune

Ippodromo: la SLC CGIL scrive al Comune

Mar 11, 2019

Palermo, lì 11 Marzo 2019

Al Sindaco di Palermo

Al Prof. Leoluca Orlando

sindaco@comune.palermo.it

 Gabinetto Sindaco

gabinettosindaco@cert.comune.palermo.it

All’Assessore al Bilancio Comune di Palermo

Dott. Roberto D’Agostino

 Al Settore Risorse Immobiliari Comune di Palermo

settoredellerisorseimmobiliari@comune.palermo.it

 settoredellerisorseimmobiliari@cert.comune.palermo.it

Dirigente F. Lipari

f.lipari@comune.palermo.it

 Dirigente D. Verona

d.verona@comune.palermo.it

Dirigente R.Vicari

r.vicari@comune.palermo.it

COMUNICATO E RICHIESTA D’INCONTRO IPPODROMO DI PALERMO

 La scrivente SLC CGIL come più volte evidenziato al Comune di Palermo è in attesa della pubblicazione del Bando di Gara per l’assegnazione della gestione dell’Ippodromo Favorita.

Per l’ennesima volta si sottolinea che il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari, Forestali e del Turismo (Mipaaf) ha decretato il calendario nazionale delle corse ippiche per l’anno 2019.

Ad oltre un anno dalla chiusura dell’Ippodromo della Favorita e con i successivi licenziamenti collettivi attivati dall’ex gestore dell’impianto (I.R.E.S.), con molta apprensione,  attendiamo l’emissione del bando per la gestione dell’Ippodromo da mesi invocato e più volte annunciato.

La scrivente O.S. ha appreso che l’Amministrazione Comunale ha ultimato i rilievi propedeutici alla pubblicazione del bando, annunciando inoltre la volontà da parte del Comune di Palermo di valorizzare il bene. Allo stato attuale tutto ciò non si è ancora concretizzato. Gli appelli della SLC CGIL e dei lavoratori dell’Ippodromo sono caduti nel vuoto.

Ulteriori ritardi potrebbero causare un danno enorme e irreversibile; assunto che le somme al momento accantonate dal Ministero per il “nostro” impianto verrebbero dirottate altrove con la conseguente perdita di “appetibilità” per imprenditori interessati alla futura gestione e con la definitiva perdita dei livelli occupazionali.

A tal proposito la SLC CGIL ricorda che a tutela degli ex lavoratori I.R.E.S., come più volte segnalato in questi mesi dalla scrivente all’Amministrazione Comunale, sia nell’incontro fra la O.S. ed il Comune di Palermo (avvenuto in data 8 Maggio 2018) sia in successivi comunicati, il bando contenga l’applicazione della c.d. “clausola sociale di salvaguardia” per gli stessi. Questi ultimi, ad oggi, stanno pagando lo scotto economico e sociale di responsabilità non proprie.

       La SLC CGIL pertanto ribadisce la richiesta urgente di un incontro per trovare soluzioni celeri e risolutive. La continua chiusura dell’Ippodromo di Palermo assume toni definitivi, una città metropolitana come Palermo non può accettare che un bene di sviluppo economico, sociale e civile possa finire nel dimenticatoio.

L’Ippodromo di Palermo è una grande opportunità per la città per lo sviluppo culturale e sportivo ma anche per la possibilità di collaborazioni con un indotto di grande rilevanza.

La SLC CGIL ribadisce con forza e determinazione la necessità di un incontro urgente, in assenza di ciò, adotterà tutte le azioni di protesta per sensibilizzare la città tutta del grande disinteresse che si abbatte su di un luogo prezioso di Palermo.

La Segreteria Provinciale SLC CGIL Palermo

Condividi

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code