Sindacato Lavoratori Comunicazione Palermo

Almaviva: rassegna stampa

Almaviva: rassegna stampa

Lug 19, 2019

CGIL PALERMO – SLC CGIL PALERMO

COMUNICATO STAMPA ALMAVIVA

Almaviva, governo assente. Da Palermo la richiesta di un tavolo specifico al ministero per la vertenza del call center di Palermo. “La crisi va affrontata subito con un progetto. Si sta sottovalutando l’importanza di un settore così radicato in Sicilia”. Chiesto intervento della Prefettura

Palermo 18 luglio 2019 – “Si sta sottovalutando l’importanza di un settore così radicato in Sicilia e soprattutto che dà occupazione a migliaia di persone. Ci aspettavamo un intervento immediato del governo per trovare soluzioni e per garantire l’occupazione nel settore ma cosi non è stato, il governo è assente e snobba gli incontri – dichiara il segretario generale Slc Cgil Palermo Maurizio Rosso – Continueremo la nostra lotta, faremo nei prossimi giorni una nuova manifestazione, con un corteo che andrà a palazzo d’Orleans e non smetteremo la nostra mobilitazione fino a quando questo governo non avrà capito che la crisi va affrontata con un progetto che metta le premesse allo sviluppo e all’occupazione del settore”.
Nessuna risposta quindi, per l’assenza del governo, al tavolo convocato oggi al Mise sui call center, dal quale i sindacati, che hanno manifestato con un presidio davanti alla Prefetture, aspettavano delle risposta. “Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Uil e Ugl hanno manifestato oggi in Prefettura per inviare un segnale forte sia a sul territorio che a livello nazionale. Quest’emergenza va affrontato subito con un tavolo ministeriale dedicato al caso di Almaviva Palermo – aggiunge Massimiliano Fiduccia, Slc Cgil Palermo – Il tavolo di oggi al ministero era convocato sui call center. Avevamo chiesto un intervento al ministro Di Maio, che oggi doveva essere presente al tavolo. Il nostro timore è che i tempi diventino troppo lunghi. Ci aspettiamo che il governo intervenga in maniera strutturale e che vengano applicate determinate regole sia su volumi di lavoro, per ora dislocati all’estero, sulle tabelle ministeriali, sul costo del lavoro, sui contratti tra committenza e outsourcing. Non è possibile che due multinazionali come Tim e Wind 3 malgrado abbiano contratti in corso con Almaviva, non li rispettino e dichiarino da un momento all’altro di dover tagliare i volumi di traffico garantiti fino al 60 e al 70 per cento. Non possiamo permetterci di perdere questo lavoro, la situazione va affrontata in maniera definitiva. Si deve agire subito, altrimenti nel frattempo a settembre a Palermo ci beccheremo 1.600 licenziamenti. E Palermo non può permettersi questo dramma sociale. Scenderemo in piazza fino a quando non avremo risposte concrete”.
Al tavolo in Prefettura i sindacati Cgil, Cisl, Uil e Ugl, e l’assessora Giovanna Marano, sono stati ricevuti dalla dottoressa Maria Baratta. “Abbiamo rappresentato la drammaticità della situazione di Almaviva a Palermo, con 1.600 lavoratori in esubero a partire dalla prima decade di settembre, oltre la metà degli addetti del nostri sito – dichiara il segretario Cgil Palermo Alessia Gatto – Abbiamo spiegato che il problema nasce dal repentino calo di volumi del traffico telefonico da parte di Tim e Wind, che è stato spostato fuori dall’Italia. Questa delocalizzazione ha una pericolosissima ricaduta sul nostro sito”. “I sindacati e il Comune hanno chiesto – aggiunge Gatto – di aprire, parallelamente al tavolo settoriale, un tavolo dedicato ad Almaviva, altrimenti i tempi si allungano. Serve una soluzione immediata, chiediamo un tavolo ad hoc, 1600 famiglie non possono rischiare di perdere il lavoro. La Prefettura ha accolto le nostre richieste, il prefetto farà da intermediario per incentivare l’apertura di un tavolo specifico per la vertenza di Palermo. Presto ci sarà un aggiornamento”.

Rassegna stampa della manifestazione in Prefettura:

Radio Articolo 1

https://www.radioarticolo1.it/audio/2019/07/18/41406/presidi-per-il-futuro-clima-e-lavoro-verso-una-economia-sostenibile?fbclid=IwAR0z9O79CbRvEbuv7ss00haQ_Wd1ddQCcqlPEGML669ogikrfCDOmL7S_uM

RAI 3 TG

https://www.rainews.it/tgr/sicilia/video/2019/07/sic-almaviva-palermo-licenziamenti-6724c868-e5f2-43e7-8f81-35d9a68cec96.html

Giornale di Sicilia

https://palermo.gds.it/video/cronaca/2019/07/18/almaviva-a-palermo-sit-in-contro-i-1600-licenziamenti-temiamo-il-peggio-0cbd8afa-c7ce-47fb-823b-d7e135636805/

Repubblica

https://palermo.repubblica.it/cronaca/2019/07/17/news/palermo_spettro_licenziamento_per_1600_lavoratori_di_almaviva_sit-in_in_prefettura-231388824/

Palermo Today

http://www.palermotoday.it/video/vertenza-almaviva-protesta-prefettura-orlando.html?fbclid=IwAR0P3YUO12CqHm1FWHFIXgHXOYZFB7pMZFoHrRSnQfF8FjVBogpIcLNpM-c

TRM e TeleOne

https://www.facebook.com/teleone.it/videos/466165317508759/

GDS 19 Luglio 2019 Almaviva

Scatti dalla manifestazione in prefettura di ieri

1 2 3 5

La nota unitaria dopo l’incontro in Prefettura

NOTA INCONTRO PREFETTURA

In data 18 luglio SLC CGIL, FISTEL CISIL, UILCOM UIL e UGL TLC hanno organizzato un presidio presso la Prefettura per attenzionare i problemi occupazionali del sito di Palermo di Almaviva Contact, in concomitanza con il tavolo al MISE di settore.
Una delegazione sindacale, alla presenza dell’Assessora Comunale Giovanna Marano, è stata ricevuta dalla Dirigente dell’Area della Prefettura Dottoressa Maria Baratta.
A quest’ultima abbiamo riportato i motivi delle nostre preoccupazioni in base a quanto comunicatoci dall’azienda nell’ultima convocazione in Sicindustria del 16 Luglio u.s., dove Almaviva ha preannunciato l’apertura delle procedure di licenziamento per un esubero quantificato fra 1300 ed i 1600 lavoratori.
Le OO.SS. hanno evidenziato la necessità di fronteggiare all’emergenza con interventi della massima urgenza, che vadano sia nella direzione di regolamentazione del settore, sia a tutela e a salvaguardia del lavoro dei 2700 addetti di Almaviva Contact Palermo. E’ necessario un tavolo di confronto dedicato a questa vertenza.
La Dott.ssa Baratta, ribadendo più volte che il Prefetto è molto vicino ai lavoratori di Almaviva Contact e che sicuramente darà il suo supporto, si è fatta carico delle nostre istanze impegnandosi ad inviare una nota al Governo per evidenziare la necessità di un intervento.
Dal tavolo al MISE non sono giunte notizie rassicuranti, il ministro Di Maio non ha presenziato all’incontro con le Segreterie Nazionali, preferendo una diretta Facebook su altri temi.
Le OO.SS. stanno valutando quali iniziative mettere in campo a breve. Vi terremo aggiornati. Grazie per l’attenzione.

Le RSU SLC CGIL – FISTEL CISL – UILCOM UIL – UGL TLC

Comunicato tavolo TLC

Comunicato tavolo TLC Nei giorni scorsi è stato convocato per la giornata odierna il Tavolo di settore delle TLC, con le OO.SS. confederali e Asstel, alla presenza del Ministro Luigi Di Maio. Questa mattina il Tavolo, invece, è stato allargato ai sindacati autonomi – scarsissimamente presenti nel settore – e non c’era traccia del Ministro Di Maio. Un appuntamento che, quindi, è la replica esatta di altri due incontri svolti sempre presso il Ministero dello Sviluppo Economico. Un appuntamento che, evidentemente, ha il solo obiettivo di prendere altro tempo e non di discutere dei problemi concreti del settore. Le scriventi OO.SS., ribadendo la piena disponibilità ad attivare un confronto vero con il Ministro per risolvere le troppe gravi crisi aperte, che rischiano di portare a migliaia di licenziamenti, hanno inoltre ribadito in ogni occasione quali sono i problemi da affrontare, anche presentando una Piattaforma scritta alle Istituzioni. Si tratta di risolvere i problemi legati alle delocalizzazioni delle attività, al costo del lavoro, al dumping contrattuale, alla mancanza di ammortizzatori sociali stabili e certi, alla corretta applicazione delle clausole sociali, a un progetto di formazione adeguata a traghettare il settore verso la necessaria digitalizzazione.

Roma, 18 luglio 2019

Le Segreterie Nazionali CGIL CISL UIL SLC-CGIL FISTEL-CISL UILCOM-UIL

WhatsApp Image 2019-07-19 at 14.27.16

 

Condividi

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code