Sindacato Lavoratori Comunicazione Palermo

COMUNICATO AAA CREDIBILITA’ CERCASI

COMUNICATO AAA CREDIBILITA’ CERCASI

Giu 9, 2017

In questi giorni, nel territorio siciliano, si stanno svolgendo numerosi incontri sulla presentazione del Piano Industriale 2017-2019.
Ha attratto la nostra attenzione la citazione di M. Luther King utilizzata dall’AD in apertura: “Può darsi che non siate Responsabili per la situazione che in cui vi trovate, ma lo diventerete se non fate nulla per cambiarla”.
Rispondiamo volentieri con altrettanta citazione ma di Enrico Berlinguer: “Quando si chiedono sacrifici alla gente che lavora, ci vuole un grande consenso, una grande credibilità politica e la capacità di colpire esosi e intollerabili privilegi”.
Ed è sulla credibilità che vogliamo soffermarci: Credibilità di un gruppo dirigente, al comando da un anno, tutta ancora da guadagnare.
Le tuonanti dichiarazioni iniziali dell’AD di volere intervenire sui “Feudi” di Telecom non trovano ancora riscontro, in particolare sul tema delle internalizzazioni, che pur registrando un
trend in crescita, stanno sviluppandosi in aree di “non disturbo”.
Temiamo che la richiesta di velocità di esecuzione del piano unita alle promesse di premi (“MERITO”) stiano alimentando nel nostro territorio le solite pratiche torbide:
Ci giunge notizia, di cui abbiamo elementi circostanziati, per cui il cliente OLO, quando si trova in fase di guasto, viene contattato da call center Tim, che evidentemente informato di questa cosa, dice al cliente che se passerà in Tim non avrà più problematiche di questo tipo.
L’OLO è informato di questo fenomeno e ci potrebbero essere gravose conseguenze. In altrettanto allarme ci mette la notizia, stavolta dal fronte commerciale, che all’atto della
stipulazione telefonica del contratto, non sia in seguito spedita copia cartacea al cliente, il quale alla prima fattura se trova irregolarità (e non sono poche) quando chiama il call center si sente
rivolgere la richiesta se ha il contratto, che per “anomalia” stra-conosciuta del sistema non è possibile recuperare contravvenendo alle norme di legge (D.lg. 206/2005 artt. 51 e 53, Codice del Consumo), ma l’ordine è chiudere i reclami! È chiaro che fra i 1500 responsabili a vario titolo riuniti all’evento di presentazione del Piano d’Impresa, fosse solo per campione demoscopico, c’è chi ancora sta raschiando il fondo del barile cercando un guadagno personale a discapito del futuro di tutti noi.

Vorremmo che l’autoritario “RIGORE”, perseguito da questo gruppo dirigente, pure su temi come la fruizione di 5 giorni di ferie a giugno, imposta anche e a tutti i costi alle mamme
lavoratrici, costrette così, dopo avere pagato la scuola privata fino a tutto giugno, a cercare ulteriori collocazioni per la prole con oneri ulteriori e abbassamento della qualità della vita (altro
che Welfare), sia alla pari utilizzata contro chi non ha nessuna idea su cosa significhi “INTEGRITA” soprattutto quella morale! Quando vedremo agire concretamente questo
gruppo dirigente in tal senso, allora potremmo dire che la strada del “TURNARAUND” è stata VERAMENTE INTRAPRESA!

Palermo 09/06/2017
R.S.U. – Coordinamento Regionale
Sindacato Lavoratori Comunicazioni – CGIL

Condividi

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code